Sunday Mood - Il nastro arricciato


Una domenica mattina.
Di quelle che, senza alcun motivo, ti alzi con il sorriso, forse per il sole che splende alto su Roma o per le canzoni dei Nobraino che suonano ancora nella testa, dal concerto della sera prima.
Ho aperto gli occhi ed ero già felice. 
La voglia di vivere la giornata, di uscire con addosso solo un gran bel sorriso, mi ha fatto scattare dal letto senza indugiare, nemmeno un secondo, strano.
Una domenica di quelle che il lunedì sembra essere ancora tanto lontano.
Una colazione consumata con calma, tra chiacchiere e risate, tra progetti e sogni, nel mio bar preferito. Quello della domenica, quello del quartiere in cui vivi da undici anni, dove incontri amici, vicini e conoscenti. Il posto dove le coccole hanno il nome di brioches appena sfornate, ciambelle calde e pasticcini deliziosi, dove il profumo di buono aleggia nell'aria e ti avvolge sin dalla soglia.
La vista di tutti quei dolcetti, allineati e colorati, fa venir voglia di portarli tutti via, di assicurarti che uno di quei vassoietti torni a casa con te. 
Quei vassoietti legati con il nastro arricciato, lo stesso nastro che Jova annovera tra gli #antidolorificimagnifici.
Perché il "vassoio delle paste" è proprio #robadadomenica ed è una di quelle cose che mi fanno impazzire di gioia alla sola vista.
Nei miei giri infiniti in rete, ho scoperto di non essere la sola ad avere un'insana passione per le guantiere di dolcetti avvolte nel nastro.
Le ho viste tutte cromate e, ovviamente, me ne sono innamorata, minaudiere realizzate dalla geniale e giovane designer Benedetta Bruzziches.
Come si fa a non innamorarsi di lei e delle sue incantevoli storie, ops creazioni.
Ogni borsa ha un nome, la collezione si chiama "Prenditi cura di te", ha un carattere, una personalità e ognuna racconta una storia.
E' una donna che comprende le donne, che racconta storie di donne attraverso le sue borse, questo è il suo segreto.

Basta dare uno sguardo alle sue collezioni per capire quanto ama il suo lavoro e tutto ciò che crea.
Basta ascoltare le sue parole, "che sia una suggestione, un amore che finisce, un inno alla gioia, l’evocazione di un ricordo, è la storia che dovete conoscere", per scoprire che le sue borse hanno un'anima.
E' questo che piace, è questa la chiave del suo successo.
A mio parere meritatissimo.
Ah dimenticavo, buon lunedì (perché poi, puntuale come sempre, è arrivato).






Commenti

  1. Prenditi cura di te....Noi donne non dovremmo mai dimenticarlo, che sia una borsetta nuova o una guantierina di dolci la domenica mattina....
    Perchè invece ogni tanto ci dimentichiamo di coccolarci un pò....?
    Baci, Silvia......bellissimo post...

    RispondiElimina

Posta un commento